Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

«Nei centri di detenzione si stupra» Tensione al presidio in piazzale Cadorna

milano.corrire.it – 25 novembre 2009

Nella giornata contro la violenza sulle donne

I carabinieri: via lo striscione. Ma i manifestanti si oppongono. Segue lo scontro, alcuni ragazzi contusi

Lo striscione esposto in piazzale Cadorna
Lo striscione esposto in piazzale Cadorna

MILANO – Una manifestazione non autorizzata nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Uno striscione che chiama in causa la polizia, colpevole secondo chi l’ha redatto di compiere stupri nei Cie, i centri di identificazione ed espulsione per gli immigrati. L’intervento della Digos e dei carabinieri, il contatto, contusi e sangue a terra. È la sequenza di quanto accaduto mercoledì pomeriggio in piazzale Cadorna.

GLI SCONTRI – Un gruppo di manifestanti, in gran parte donne, si è radunato davanti alla stazione ferroviaria, srotolando uno striscione: «Nei centri di detenzione per immigrati la polizia stupra». Il presidio è nato spontaneamente, senza una sigla. Un passaparola tra amici, appartenenti a diversi gruppi antirazzisti o femministi, ma che si è esteso a studentesse, a signore di mezza età. La frase sullo striscione, un’accusa pesante che fa riferimento a un episodio accaduto mesi fa nel centro di via Corelli dove una nigeriana sarebbe stata stuprata da un poliziotto, mette in allarme le forze dell’ordine. Arriva la Digos, gli agenti chiedono di rimuovere il telo, i manifestanti si oppongono. «Parte la prima carica dei carabinieri» raccontano i presenti. Ci sono dei contusi. «Quattro ragazzi erano a terra, feriti, perdevano molto sangue». Lo striscione rimane al suo posto, secondo “contatto” tra militari e dimostranti. La tensione sale, finché viene deciso di arrotolare l’oggetto del contendere. Dopo qualche ora, in serata, la manifestazione si scioglie. A quanto pare nessuno è dovuto andare in ospedale. Probabilmente alcuni dei presenti, identificati dalle forze dell’ordine, saranno denunciati. «La cosa assurda è che tutto questo è successo nel giorno contro la violenza sulle donne» conclude una ragazza.

Articoli Correlati: