Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Domani si rinnova la sfida tra la manifestazione ufficiale dei confederali e la Mayday Parade

30 aprile 2007 – Corriere della Sera

 

Domani si rinnova la sfida tra la manifestazione ufficiale dei confederali e la Mayday Parade dei sindacati di base

«A Milano un evento europeo per il 1° Maggio» La Cisl: bene lo storico Castronovo, il corteo è superato. La Fiom-Cgil: no, è sempre attuale. Primo Maggio in cerca d’autore. Lo ha detto ieri lo storico Valerio Castronovo sul Corriere: «La festa dei lavoratori è obsoleta, rischia ogni anno di più di perdere significato». A Roma il 1°Maggio è diventato la scusa per un grande concerto. A Milano le manifestazioni sono due. Entrambe mostrano dei limiti. La passeggiata rituale del mattino, proposta dai confederali, è diventata: a) un’occasione per verificare chi, tra i rappresentanti delle istituzioni, ha raccolto l’invito a partecipare; b) chi sarà  fischiato. La Mayday Parade contro il precariato del pomeriggio – organizzata da Cub (confederazione unitaria di base) e Chain Workers (un gruppo vicino al centro sociale La Pergola) – sul piano dei numeri ha surclassato il corteo confederale (centomila persone l’anno scorso). Ma spesso i riflettori si spostano su atti di vandalismo e slogan politicamente scorretti («Dieci, cento, mille Nassiriya»). Sulla necessità  di trovare anche a Milano un modo di festeggiare più in linea con i tempi sono d’accordo tutti, anche all’interno dello stesso sindacato confederale. Con ogni probabilità  quello di quest’anno sarà  l’ultimo corteo da Porta Venezia a piazza del Duomo. «Stiamo lavorando a un evento alternativo, che colleghi Milano alle altre grandi piazze europee del lavoro» racconta Fulvio Giacomassi, a capo della Cisl di Milano. Il segretario generale non condivide però le critiche del professor Castronovo al senso del Primo Maggio: «Una giornata da dedicare al lavoro resta necessaria». «Per quanto mi riguarda, la festa dei lavoratori mantiene ancora tutto il suo significato. Tanto che sarò in piazza a rappresentare il Comune», si aggrega l’assessore al Lavoro, Andrea Mascaretti. I metalmeccanici della Fiom-Cgil rincarano la dose. «Il senso della ricorrenza resta intatto nonostante quanto detto dal professor Castronovo – attacca il segretario generale milanese, Maria Sciancati -. Il nostro obiettivo è tutelare chi dà  tanto alla società  per ricevere poco in cambio – continua la sindacalista -. Ieri si trattava degli operai. Oggi si tratta ancora degli operai ma anche dei precari dei call center».

«Il lavoro è un valore costituzionale, merita certamente una festa» interviene Maria Grazia Fabrizio, consigliere regionale e sindacalista storica della Cisl. La difesa del primo maggio mette d’accordo confederali e sindacato di base. «La festa è viva più che mai» conclude Walter Montagnoli, coordinatore nazionale della Cub e organizzatore della Mayday Parade. E gli slogan offensivi? E le scritte sui muri? «Quando si portano in piazza 100 mila persone sono inevitabili». Allo studio un evento alternativo che colleghi la città  alle altre piazze internazionali nella festa del lavoro.

Articoli Correlati: