Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

E la SEA ci riprova con una neomamma

E siamo alle solite: discriminazione tutta al femminile. Ma questa volta siamo stati ancora più veloci nel reagire e il finale è lieto.

 

Stiamo parlando ancora del caso Sea e in particolare di Jessica M.. E’ una delle lavoratrici che ha fatto causa alla SEA dopo 10 contratti a termine, l’ha vinta il 13 marzo 2006 e, come punizione si sono viste trasferire da Malpensa a Linate, da un giorno all’altro.

In quel periodo Jessica partorisce e gode dei permessi per maternità  e una volta rientrata a Malpensa ne prende altri per l’allattamento. La SEA non tarda a farsi sentire: allo scadere di un anno dal parto fa recapitare a Jessica una letterina con cui le comunica che anche a lei è stata trasferita da Malpensa a Linate.

Come è ingiustificato il trasferimento delle altre 7 lavoratrici, colleghe di lavoro di Jessica, che assomiglia più ad una forma di rappresaglia, così è ingiustificato il trasferimento di Jessica per diversi motivi: prima di tutto il reparto Accettazione – U.O. Passeggeri – nel quale lavora a Malpensa ha in organico oltre 250 addetti e a Linate gli addetti sono circa 150. Non è quindi ipotizzabile l’indispensabilità  della prestazione di Jessica a Linate; in secondo luogo secondo l’azienda non sembra che favorisca lo sviluppo dell’occupazione femminile perché rende
impossibile la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro allontanandola dal luogo di residenza.

E’ il caso di ricordare che in Lombardia circa 7.500 madri lasciano il posto di lavoro entro il compimento l’anno del bambino (fonte: Le consigliere di parità )

Jessica nuovamente si rivolge al Punto San Precario e lalla CUB per aprire un nuovo capitolo: si fa causa per discriminazione. Il 19 marzo un giudice avrebbe dovuto pronunciarsi sul reintegro a Malpensa e far pagare alla Sea quest’atto di discriminazione femminile.
Abbiamo appena saputo che non sarà  necessario: la SEA ha comunicato (verbalmente) a Jessica che  ha vinto: rientrerà  a lavorare a Malpensa.

Ci rende felici questa vittoria, di ottimo auspicio anche per le altre lavoratrici che attendono analogo atto di giustizia. Domani connettetevi al sito IP: news, interviste, comunicati e sberleffi alla SEA: Non c’e’ strapotere aziendale che regga di fronte alla cospirazione precaria!!!

Alla prossima battaglia

le SEA Girlz e il Punto San Precario

Articoli Correlati: