Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Fiducia, non Verità : la resa dei Conti

Parla Montescemolo, esultante per Governo e sindacati

“Stiamo concentrando gli sforzi per smantellare il contratto nazionale di lavoro”

In viale dell’Astronomia l’eccitazione raggiunge l’apice e Luca Cordero di Montescemolo è raggiante: "stiamo concentrando gli sforzi per smantellare il contratto nazionale di lavoro. Il Governo, insieme a Cgil, Cisl e Uil che hanno sottoscritto il protocollo, ci favorisce. Abbiamo fatto quello che si definisce un ottimo gioco di squadra, altro che Ferrari". Montescemolo parla con ammirazione della Federazione italiana editori giornali. Il contratto nazionale di lavoro, scaduto da quasi tre anni, non è mai stato discusso, neppure per una mezzora: "spicca la buona prova di De Benedetti, padrone del Gruppo Espresso, che ha trattato in azienda quello che gli interessava, come, quando e quanto voleva lui".

Montescemolo sintetizza il concetto nella frase "la contrattazione agli industriali" ("ma solo se ci va e se siamo dell’umore giusto" precisa): Confindustria è decisa a non tollerare più interferenze del sindacato e del governo negli affari suoi. Le nuove norme sulle pensioni sono altrettanto valide e raggiungono anch’esse un risultato straordinario, quello di esacerbare il conflitto tra le generazioni: "nell’accordo odierno, ai giovani precari suggeriamo in sostanza solo la strada dei fondi pensione privati pur elevando i loro livelli di contribuzione. Una soluzione da sogno.

Abbiamo scatenato i giornali con analisi che ascrivono la responsabilità di questa situazione ai loro padri che si son bevuti anche le loro, di pensioni. In questo modo l’assenza di progettualità e di coraggio, la corruzione e il nepotismo tipici dell’impresa italiana restano sullo sfondo, sembra che non c’entrino niente". Il presidente di Confindustria ritiene complessivamente buoni i rapporti con il Governo anche se "bisogna tirargli le orecchie e ricordargli gli impegni presi, non con gli elettori ma con noi. E’ stato fatto un passo nella giusta direzione con il taglio del cuneo fiscale e la promessa dei tagli sull’Irap. Il sostegno dello Stato alle imprese non deve mancare: siamo abituati così e le buone abitudini non si cambiano". Ma le modifiche introdotte al protocollo? "Siamo seri, sono inconsistenti, l’impianto dell’accordo resta intatto".

L’unica nota stonata sembra rappresentata dall’esistenza della "Cospirazione precaria" e dell’"Intelligence precaria", meccanismo di trasmissione delle informazioni ideato da un gruppo di lavoratori precari che ha dato vita alla MayDay? e, pare, a un giornale che sembrerebbe chiamarsi City of gods. Il gruppo si dichiara intenzionato a non "stare zitto mai", e pare deciso a "precarizzare i precarizzatori", denunciando tutto ciò che accade nelle aziende. "In questo paese sta zitto chiunque e questi invece continuano a parlare e a scrivere. Ho chiesto di capire come si spiega il fenomeno che è molto strano in questo clima. Per ora le risposte dei miei collaboratori sul tema sono poco chiare, non comprendiamo. Raccontare ciò che accade nelle aziende, scherziamo? Non si può, ci fa saltare gli schemi. In questo Paese c’è bisogni di fiducia, non di verità".

Articoli Correlati: