Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Laboratorio per lo sciopero precario

Dopo gli Stati Generali 3.0 a Roma, dopo le azioni che hanno propagandato  lo sciopero precario il giorno dello sciopero generale, le incursioni di  San Precario al Salone del libro di Torino e le ultime mobilitazioni in  varie città d’Italia contro le società di riscossione crediti in nome del  diritto all’insolvenza, la costruzione dello sciopero precario è sempre più
impellente e imprescindibile.
In varie città d’Italia si stanno creando i laboratori per la costruzione  dello sciopero precario. Non partiamo da zero.
Si tratta di iniziare a discutere concretamente le modalità e le forme di  attuazione di uno sciopero – precario – che assuma connotati innovativi.
Contaminazione virtuale, blocco dei flussi produttivi, materiali e  immateriali, creazione di un nuovo immaginario di soggettività e conflitto:
ecco gli elementi per creare una svolta in una realtà metropolitana come  quella milanese che richiede una nuova agibilità politica e sociale in  grado di interloquire con la nuova realtà del lavoro, intrisa di precarietà  esistenziale, strutturale, generalizzata.
Il laboratorio dovrà discutere di più piani
Un piano propositivo: individuazione di una sorta di piattaforma  rivendicativa (le pretese dei precari e delle precarie) centrata  sull’accesso ad un reddito di base incondizionato, ai servizi sociali e ai beni comuni, diritti del lavoro (collegato) e di cittadinanza per tutte e  tutti, diritto all’insolvenza, solo per citare gli aspetti propositivi che  negli ultimi mesi hanno animato il nostro dibattito. Ricordiamoci che lo  sciopero precario è un azione in progress per e non solo contro.
Un piano comunicativo: individuazione dei canali di trasmissione, di  contagio virale in grado di contaminare i luoghi della precarietà. In poche  parole la  costruzione dell’immaginario dello sciopero precario.
Un piano operativo, che sulla base della rete di relazioni che riusciamo a  creare e a sviluppare sia in grado di tradursi in momenti reali di blocco  della creazione di ricchezza e individuare anche nuovi momenti di presa di  parola e di coscienza dell’azione precaria . A tal fine, viene  convocata a  un’assemblea pubblica su questi temi, per rendere operativo il laboratorio metropolitano dello  sciopero precario.
Martedì 7 giugno alle ore 21.00 in via pichi 3, Milano presso San Precario Space

Articoli Correlati: