Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Ritratti a mano libera. Con Renato Curcio

Punto San Precario

Martedì 26 Febbraio ore 21.00
presso Ponte della Ghisolfa, Viale Monza 255 MM1 Precotto MI

RITRATTI A MANO LIBERA.

Renato Curcio, percorrerà  il filo conduttore  che lega  gli ultimi cinque lavori  da lui curati. Cinque cantieri di ricerca e analisi, accurate e taglienti descrizioni accompagnate dalla prorompenza delle voci "autonarranti" squarciano il velo di Maya  che avvolge molteplici aspetti della nostra società, dalla messa al lavoro del consumo e del consumatore alla pieghe anche non troppe nascoste dove il razzismo si annida e trova fertile capo di coltura/cultura

 





Com’è nel nostro stile l’incontro sarà aperto al dibattito.
Non una lezione frontale bensì uno stimolo per intraprendere nuove interazioni, nuove relazioni e  nuovi modi  di approcciarci al mutamento del reale, con uno sguardo rivolto alla costruzione dell Euromayday 008

L’AZIENDA TOTALE: Dispositivi totalizzanti e risorse di sopravvivenza nelle grandi aziende della distribuzione

 

IL DOMINIO FLESSIBILE: Individualizzazione, precarizzazione e insicurezza nell’azienda totale.

 

IL CONSUMATORE LAVORATO:Il libro si snoda intorno ad alcuni assi portanti:
La caccia, l’inseguimento e la cattura del cliente.
La caccia etica e la caccia del lavoro futuro.
L’osservazione e il controllo del cliente.
L’interazione programmata cliente-lavoratore.
La fidelizzazione, ovvero, l’impresa criminosa.

 

LA TRAPPOLA ETICA: Questo libro, costruito a partire dalle voci narranti di lavoratrici e lavoratori della grande distribuzione organizzata, passa in rassegna ciò che Carrefour, Auchan e Ipercoop dicono e fanno al riguardo della Responsabilità Sociale d’impresa. E mostra l’ambiguità degli approcci etici in assenza di precisi vincoli giuridici e d’istituzioni di diritto capaci d’imporre alle aziende regole chiare.

I DANNATI DEL LAVORO: I migranti fanno parte di quelle moltitudini di esclusi che Frantz Fanon definì i ‘dannati della terra’ e che in quest’epoca sono i nuovi ‘dannati del lavoro’. Questa ricerca, svolta con lavoratrici e lavoratori migranti, mette in luce le discriminazioni che i migranti subiscono nel mondo del lavoro, i dispositivi del razzismo culturale e quelli delle leggi che regolano il ‘circuito di Schengen’.

Articoli Correlati: