Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

26 settembre: Redattori precari in cerca di un contratto

Redattore, traduttrice, autore, grafica? Sei uno dei tanti precari che lavorano nelle case editrici milanesi e vorresti saperne di più e confrontarti sui problemi legati alla tua condizione lavorativa? La rete dei redattori precari di Milano (ReRePre) e San Precario ti invitano a un incontro in vista delle scadenze contrattuali di fine anno.

La riforma del lavoro è stata approvata a luglio: che ripercussioni avrà in un settore ad alto tasso di precarietà come l’editoria? Come cambieranno (se cambieranno) i nostri rapporti di lavoro? Per ora in molte case editrici tutto tace… E poi c’è il Collegato lavoro, approvato dal governo precedente: un vero e proprio condono per chi ha sfruttato il lavoro precario. Ne parleremo con l’avvocato di San Precario e con i precari e le precarie di Rerepre Milano.

L’appuntamento è per mercoledì 26 settembre, ore 19 allo spazio PianoTerra di via Confalonieri 3 (quartiere Isola) a Milano, dove è attivo l’Infopoint San Precario. Tratteremo dei cambiamenti in atto e delle principali forme di contratto in uso oggi nelle case editrici (a progetto, Partita Iva e interinale) per capire come è possibile migliorare le nostre condizioni.

“Un mondo popolato da precari è il mondo che sognano le imprese. Un mondo pensato e creato dai precari è il loro incubo peggiore”

ComuneMi/Precari: accordo separato

Venerdì 13 gennaio l’ennesimo tavolo di incontro tra l’amministrazione del Comune e i sindacati sul tema della precarietà si è concluso con la firma di un accordo separato.
Hanno apposto una firma con riserva i funzionari di Uil e Cgil mentre il sindacato di base Usb, la Cisl e il Csa non han firmato il documento che il Comune definisce ‘superamento della precarietà’ nel comunicato diramato ai media.

Prosegui la lettura »

Federmeccanica: disdetto contratto 2008

Repubblica.it – 7 settembre 2010

MILANO – Il direttivo di Federmeccanica ha dato mandato al presidente Pierluigi Ceccardi di comunicare fin d’ora il recesso dal contratto nazionale siglato il 20 gennaio 2008 e valido fino al 2012. Lo stesso Ceccardi ha spiegato che la decisione di considerare già spirato il contratto è avvenuta “a fronte delle minacciate azioni giudiziarie della Fiom relative all’applicazione di tale accordo” ed è comunicata “in via meramente tecnica e cautelativa allo scopo di garantire la migliore tutela delle aziende”. La disdetta avviene a far data dal primo gennaio 2012. Per Landini, segretario generale della Fiom, è una “decisione politica grave, irresponsabile e illegittima”.

L’invito Fiom: “Non si ceda a diktat Fiat”. Proprio la Fiom, attraverso il segretario generale Maurizio Landini, aveva invitato nelle ultime ore Federmeccanica a non accettare quello che viene visto come un “diktat” di Fiat, perché “meccanismi di confronto sotto diktat alla lunga non aiutano neanche le imprese”. In sostanza, la Fiom aveva invitato gli industriali della meccanica a non cedere alle pressioni di Marchionne, che senza deroghe al contratto del 2008 aveva paventato l’uscita di Fiat da Federmeccanica. “I problemi che la crisi pone si possono affrontare anche discutendo di investimenti e di maggiore utilizzo degli impianti. Senza bisogno di deroghe ma applicando il contratto nazionale e le regole che ci sono” aveva concluso Landini.

“Nessun



diktat, tutelare aziende”. “Fiat non ha spinto per niente – è la replica di Ceccardi -, l’accelerazione che abbiamo imposto oggi è per tutelare le esigenze delle aziende metalmeccaniche e di un milione di lavoratori che dipendono da esse”.

“Relazioni industriali da adeguare”. Il presidente di Federmeccanica ha poi spiegato che “il consiglio direttivo ha preso in esame l’evoluzione dei rapporti sindacali nel settore dopo il rinnovo del contratto nazionale del 15 ottobre 2009 e la vicenda relativa allo stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco”. “Il convincimento unanime è la necessità di proseguire con determinazione nell’adeguamento delle relazioni industriali, sindacali e contrattuali alla domanda di maggior affidabilità e flessibilità che proviene dalle imprese per consentire loro una migliore tenuta rispetto all’urto della competizione globale”.

“Cgil partecipi a cambio delle regole”. “E’  urgente – prosegue Ceccardi – una regolamentazione condivisa del sistema di rappresentanza, sulla cui necessità esiste generale consenso e disponibilità dichiarata dalle parti”. Tale regolamentazione, ricorda il presidente di federmeccanica, è prevista dall’accordo interconfederale del 15 aprile 2009, non sottoscritto dalla Cgil. Alla domanda se l’auspicio è che anche l’organizzazione guidata da Guglielmo Epifani possa sedersi al tavolo, Ceccardi ha replicato: “Assolutamente sì, l’auspicio è che le confederazioni attivino al più presto un tavolo per regolamentare la materia per via pattizia”.

Landini: “Strappo alla democrazia”. Appresa la decisione di Federmeccanica, Maurizio Landini esprime un giudizio durissimo: “E’ una decisione politica grave, irresponsabile e illegittima. Il contratto del 2008 è in vigore fino alla fine del 2011 e ha una sua ultrattività qualora venga presentata una piattaforma per il suo rinnovo”. Si tratta secondo il leader della Fiom di “uno strappo alle regole democratiche grave perché si impedisce ai lavoratori di decidere sul loro contratto e si sceglie di trattare con i sindacati che non hanno alcun mandato in questa direzione e in ogni caso rappresentano la minoranza dei dipendenti metalmeccanici”.

Fiom: “Noi non ci saremo”. Quanto all’incontro del 15 settembre, in cui Federmeccanica e sindacati si confronteranno sulle possibili deroghe al contratto nazionale dei metalmeccanici, Landini spiega che “la Fiom non parteciperà a tavoli che cancellano il contratto nazionale. Non partecipiamo perché non sono trattative ma semplicemente dettature della Fiat”.

“Importante manifestazione del 16 ottobre”. Domani, al comitato centrale della Fiom “decideremo  tutte le iniziative necessarie- conclude Landini -. E più importante ancora è la manifestazione del 16 ottobre per la difesa dei diritti del contratto e della democrazia del nostro Paese”.

Contratto Chimici: produttività vs anzianità

chimicaDopo il commercio arrivano i chimici. Nel silenzio quasi assoluto, un’altra importante categoria di lavoratori ha un nuovo contratto firmato insieme da Cgil, Cisl e Uil. Il contratto che recepisce alcune delle norme della riforma contrattuale del gennaio 2009 sarà valido per oltre 200mila lavoratori nel triennio 2010-2012 e prevede un aumento lordo (il netto va decurtato di circa il 40% della cifra) di 150 euro medie da corrispondere in tre fasi successive di cui solo 135 lorde medie andranno a finire direttamente nelle tasche dei lavoratori, in tre tranche temporali. 13 euro vanno al fondo integrativo pensionistico Fonchim. 2 euro andranno inoltre a chi non ha il contratto integrativo di secondo livello, la grande maggioranza delle imprese chimico-farmaceutiche.

Prosegui la lettura »

L’ultima beffa del lavoro precario “Apri la partita Iva o ti licenzio”

Dopo anni di contratti a termine, i lavoratori sono trasformati in “fornitori” Non cambia nulla: stesso orario e stesso ufficio. Ma l’impresa risparmia oltre il 33%

ROMA – L’ultima frontiera della precarietà si chiama “partita Iva”. Altro che indice dell’indomabile vitalità imprenditoriale. Questa è tutta un’altra storia che non riguarda neanche un po’ le seducenti formule del capitalismo personale. Qui si parla di cocopro: collaboratori a progetto costretti a diventare titolari di “partita Iva” per non perdere il lavoro, anche se precario.

Difficile stimare quanti siano i lavoratori in transizione verso l’imprenditoria forzata. Nessuno l’ha fatto, ma non ci si sbaglia se si ipotizzano decine di migliaia di persone. Si vedrà meglio quando l’Inps renderà pubblici i numeri sui nuovi iscritti al Fondo Gestione Separata. Lì, dati del 2007, le “partite Iva” di professionisti non iscritti ad albi o associazioni erano circa 250 mila, 30 mila in più in un solo anno. Reddito medio intorno ai 15 mila euro, poco più di mille al mese. Dai web designer ai grafici pubblicitari; dai redattori delle grandi case editrici ai lobbysti, fino all’antica, tradizionale, segretaria, imprenditrice di se stessa però. Tutti rigorosamente a mono-committenza, cioè fornitori di una sola azienda. Insomma, false “partite iva”.

Di certo questo è un altro capitolo della via italiana alla flessibilità, in cui con il concorso della Grande Recessione, l’obiettivo principale di molte aziende è quello di tagliare i costi per provare a sopravvivere.
Il fenomeno non è nuovo, va detto, ma con la crisi è riaffiorato dovunque, nel ricco settentrione terziarizzato come nella indolente area del lavoro para-pubblico romano. Ed è un fenomeno che spinge una categoria già debole ai livelli più bassi della scala della precarietà. “Le partite Iva diventano sostitutive dei cocopro”, commenta Patrizio Di Nicola, sociologo alla Sapienza di Roma, tra i più attenti studiosi dell’universo magmatico del lavoro precario. Questa è la verità.

 

A compiere il percorso da atipico a “libero professionista”, senza più nemmeno un accenno di diritti e di tutele, è ancora la generazione dei trentenni, l’ala marginale del mercato del lavoro.
Eppure questo pezzo di knowledge worker, lavoratori della conoscenza, intellettuali moderni, flessibili e innovativi, avrebbe dovuto rappresentare l’avanguardia di una sorta di neo- borghesia in una società post-industriale. Questa, a sua volta, avrebbe dovuto spingere verso un incremento della produttività e arrestare il nostro declino, sfruttando le nuove tecnologie. La realtà è stata diversa e si è tradotta soprattutto in un progressivo e malcelato tradimento nei confronti di una generazione di giovani professionisti.

A quella generazione appartiene anche Astrid D’Eredità, archeologa, tarantina di nascita, romana di adozione. Racconta che da piccola provava quasi invidia per chi possedeva la tessera di Metro, il grande supermercato all’ingrosso per i professionisti, gli imprenditori, le partite Iva, appunto.
Quei capannoni blu con scritta in giallo a lettere maiuscole erano – per lei – il simbolo delle libertà di impresa, del dinamismo aziendale, dell’individualismo contro il pigro tran tran dell’impiego fisso. Entrare o meno al Metro faceva la differenza. Era uno spartiacque quasi di classe sociale, certo di modelli culturali. “Ora – dice – ho la partita Iva, ma non sono mai entrata al Metro”. Ecco. Lei aveva un contratto di collaborazione finché lavorava in Puglia, poi a Roma ha scoperto che senza partita Iva non si fa nulla nel suo settore. Si deve essere “imprenditori di se stessi”, come si diceva agli albori della flessibilità. Racconta: “La frase tipica che ti rivolgono è questa: ovviamente bisogna che lei si apra una partita Iva… “. E si comincia: non più dipendenti o para-dipendenti, bensì fornitori. Sulla carta. Perché nei fatti non cambia nulla: stesso stipendio (ma senza contributi), stesso orario, stesso vincolo di subordinazione. In alcuni contratti l’ipocrisia rompe ogni indugio e precisa a scanso di equivoci: “Il fornitore non avrà i benefici previsti per i dipendenti, inclusi assicurazioni, pensione, assistenza e altri benefit riservati agli impiegati”. E ancora: “Le suddette attività hanno carattere professionale autonomo e non potranno mai essere configurate come rapporti di lavoro subordinato o di collaborazione”.

Osserva Fulvio Fammoni, segretario confederale della Cgil: “Sono due le motivazioni principali che spingono in questa direzione: il costo per le aziende che si riduce all’osso e, poi, la totale liberà d’azione sulle partite Iva che possono essere lasciate a casa, prima, e riprese, poco dopo”.
L’Italia è la patria del lavoro autonomo: il 27% dell’occupazione complessiva, il triplo rispetto alla Danimarca e il Lussemburgo, il doppio rispetto alla Germania, la Gran Bretagna, la Francia e l’Olanda. Ci supera solo la Grecia. Tutto questo, tra l’altro, ha aiutato anche l’anomalia delle partite Iva. Si calcola, per esempio, che con le partite Iva le aziende risparmino circa il 25% rispetto a un contratto di collaborazione e oltre il 33% rispetto a un contratto di dipendenza.

Carla S., 31 anni, pubblicitaria genovese ha provato a resistere perché non ha mai ambito a far parte del celebrato universo delle partite Iva. Da tre anni lavora in una delle più grande agenzie pubblicitarie del capoluogo ligure. Prima cocopro rinnovato, quindi contratto a termine. Poi la crisi arriva in azienda. Il consulente del lavoro suggerisce al titolare di ricorrere ai contratti di apprendistato. Ma Carla, che comunque tornerebbe indietro all’inizio della sua carriera, è troppo “vecchia” per l’apprendistato perché ha appena superato la soglia dei trent’anni. “Sono una classica bambocciona, vivo con i miei genitori. Ma non potrei fare altrimenti con 1.100 euro al mese”.
Anche per questo all’inizio ha detto no alla partita Iva e, in questo caso, al lavoro a casa. Poi ha quasi accettato, ha aperto una trattativa, ha chiesto il doppio per le spese che dovrà sostenere. Le hanno replicato che lo stipendio resta uguale e che dovrà anche formare le due nuove apprendiste. A Carla, come succede spesso, l’azienda ha proposto di aiutarla nel tenere la contabilità. Queste sono le aziende “più illuminate”, come le ha chiamate Andrea Bajani nel suo cinico racconto “Mi spezzo ma non m’impiego”, uscito qualche anno fa per Einaudi.

Anche ad Andrea Brutti, trentenne consulente ambientale, hanno imposto di diventare “imprenditore”, dopo anni di contratti di collaborazione a progetto. “C’è un problema di costi”, mi dissero. Per un po’ ha fatto anche il doppio lavorista con partita Iva: un po’ lobbysta per una associazione ambientalista un po’ impiegato in un’altra. Poi ha dovuto mollare il secondo lavoro perché gli orari erano incompatibili. Nemmeno un contratto a tempo determinato è ormai un’alternativa. “Con 800 euro al mese per 35 ore di presenza a settimana non mi conviene”. Questa è la trappola della partita Iva.

Infine c’è Federico D., manager di 39 anni, trasformato in pochi frettolosi minuti in partita Iva, dopo otto anni da dirigente in una multinazionale di servizi ospedalieri. “Era un venerdì pomeriggio quando venni chiamato dal mio capo. Ho una notizia cattiva e una buona, mi disse velocemente. La cattiva è che il tuo contratto si trasforma in consulenza, la buona è che il trattamento netto migliora. Poi mi mise in mano la lettera di licenziamento”. Ma cos’è cambiato? “Nulla. Stesso orario, stesso ufficio, stesso lavoro. Ma per l’azienda io non sono più un costo, bensì un investimento”. Una finzione contabile. Già.

Da repubblica 9/11/09