Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

MINIMA ET PRECARIA Istruzioni per Partite Iva

10410467_947633415270066_2954078484151181503_nDopo KEEP CALM AND FIGHT JOBSACT, proseguono gli Aperitivi Succosi a cura di SUC, San Precario e Rete Redattori Precari, con un nuovo incontro-dibattito a tema #PartitaIva.
Ci vediamo mercoledì 18 marzo alle 19 per l’aperitivo.
Alle 20 apriamo le danze col commercialista!

@ Piano Terra, via Confalonieri 3, Milano


#freelance #coworking #rerepre #precari #Jobsact #gestioneseparata

“Coscienza e incoscienza del precariato” dibattito con Diego Fusaro

III° Incontro Accademia Precaria:

Diego Fusaro presenta “Bentornato Marx” in una serata di discussione sulla “coscienza e incoscienza del precariato”

Piano Terra, mercoledì 30 ottobre 2013, a partire dalle 19.00

Nella sua storia il capitalismo si è trasformato più volte cambiando ripetutamente il proprio volto. Al contrario la propria natura è rimasta la medesima: vorace e totalizzante. Il termine globalizzazione rappresenta per bene sia il suo “sfondamento” spaziale che la sua penetrazione vitale: infatti non vi è ambito di vita, della nostra vita, che non sia messo a profitto.

I soggetti sociali che fino a quarant’anni fa sembravano essere i protagonisti del destino del mondo capitalista, la classe operaia e la borghesia, hanno perso la loro centralità e pur non scomparendo sembrano aver smarrito il ruolo p/referenziale.

Prosegui la lettura »

Quaderni di San Precario n. 5

QSP-5Accademia Precaria presenta il n. 5 dei Quaderni di San Precario.

Piano Terra, mercoledì 22 ottobre 2014, a partire dalle 19.00

I Quaderni di San Precario, espressione del punto di vista precario, rivista autoprodotta dalla sapienza precaria, sono arrivati al n. 5. E’ un buon traguardo, senza dubbio. Ma ancora non ci basta.

Nel n. 5 continua la presentazione di lemmi della Piccola Enciclopedia Precaria (PEP) che, in questo numero tratta, tra gli altri, i temi della forma della repressione, meritocrazia, reddito, trappola della precarietà. Ma è sul tema, ambiguo e scottante, della meritocrazia che si dipanano alcuni contributi nella sezione “soggettività precarie”. Non possiamo negare che dietro il tema della “meritocrazia” si nascondano pulsioni e opinioni quanto mai ambivalenti, meccanismi di consenso ma anche forme di controllo dell’eccedenza e strumento della misura della condizione precaria.

Ma in questo numero si discute anche della condizione precaria degli “educatori senza diritti” delle cooperative sociali e delle lotte della logistica che hanno caratterizzato, con successo, la primavera scorsa. La sezione territori, infine, con il beneplacito di San Precario (apparso in sogno a perorare la causa del redito di base incondizionato), insiste nel trattare lo scottante tema dell’Expo 2015. Mancano 18 mesi al I° maggio 2015 ma i motori cominciamo già a essere oliati…. Saranno presenti i precari e le precarie che hanno reso possibile la pubblicazione di questo numero

Accademia Precaria: introduzione al Reddito

accademia1

Mentre la crisi e la precarietà dilagano, centro destra e centro sinistra si apprestano a varare un ulteriore governo dell’emergenza le cui priorità sono quelle di sempre:tutelare profitti e rendite delle imprese. In un modo o nell’altro sembra che niente e nessuno possa invertire questo infausto declino.

Eppure, nel caos mediatico, quasi per incanto, per un breve lasso di tempo, le tematiche del reddito e dei nuovi diritti sono comparse nelle prime pagine dei giornali per poi scomparire in modo altrettanto repentino, manco fossero una cometa.

Noi, che siamo malati di precarietà ma anche inguaribili ottimisti crediamo che il grande giorno in cui si “faranno i conti” non sia troppo lontano e lottiamo costantemente affinchè ci si avvicini il più in fretta possibile al grande big bang.

Nel mentre, conoscendo i nostri polli, ovvero conoscendo l’atavica ottusità della sinistra istituzionale e sindacale di comprendere l’universo precario e la necessità di un radicale cambiamento di rotta, noi ci prepariamo con cura. Di reddito e di nuovi diritti ne parlano oramai tutti e tutte, cani e porci, ma ribadiamo che l’unico reddito veramente necessario a precari e precarie è quello che permette di rifiutare i lavori peggiori, ovvero di scegliere il conflitto.

Per comprendere il Reddito, per prepararsi al big bang, per partecipare al giorno dei conti, per discutere di nuovi diritti e infine, per seguire la cometa che indica la direzione del cambiamento vi invitiamo al ciclo di quattro incontri, interni all’accademia precaria.

lunedì 29 aprile – Reddito e comete
la direzione del cambiamento: dal diritto al lavoro al diritto alla scelta del lavoro, verso i nuovi conflitti.

mercoledì 8 maggio – Reddito e conticini
fino a oggi abbiamo pagato noi, da domani chi paga?

(data da stabilire)  – Reddito e storia
come nasce la proposta di reddito di base di San Precario

(data da stabilire)  – Reddito e bowling
perchè i nuovi diritti saranno lo strike delle vecchie istituzioni

Il diritto del comune, Sandro Chignola e Toni Negri

9788897522317Presentazione di “Il diritto del comune. Crisi della sovranià, proprietà e nuovi poteri costituenti”, a cura di Sandro Chignola (ed. Ombre corte)
Saranno presenti il curatore Sandro Chignola e uno degli autori, Toni Negri. Dalle 19 aperitivo, a seguire presentazione

www.pianoterralab.orgtwitter.com/pianoterralab

Il nostro comune diritto
Che interesse possono avere le realtà precarie, metropolitane, studentesche, a discutere di un tema complesso e in apparenza tecnico – ma che pure risuona familiare – come quello del “diritto del comune”? Che correlazione c’è tra le lotte sul territorio e questo dibattito? Quale contributo offrono le “sperimentazioni” dei movimenti sociali, europei e internazionali, a questo argomento? Si tratta di affrontare qualcosa che è già intuitivo e vede diversi tentativi – a volte scomposti, a volte affascinanti – di applicazione pratica. Ecco così che alcuni autorevoli filosofi, studiosi del diritto e giuristi (da Negri a Teubner, da Giso Amendola a Michael Blecher a Ugo Mattei, con l’introduzione di Sandro Chignola) hanno dato forma alla questione nelle pagine del libro “Il diritto del comune. Crisi della sovranità, proprietà e nuovi potere costituenti” (ombre corte, collana UniNomade, 2012).

Prosegui la lettura »