Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Protesta precari Milano lavoratrici Università Statale e rilevatori Istat, Pisapia mantenga le promesse elettorali

lunedì, 27 febbraio, 2012 alle 08:00

Sciopero dalle 9 alle 11 in Statale e presidio dalle 17 in piazza Scala: le promesse non portano il pane in tavola

Un lunedì all’insegna delle proteste, per i lavoratori milanesi che, sostenuti dalla nota associazione “San Precario”, chiedono al Comune di Pisapia di mantenere le promesse fatte ai lavoratori precari in campagna elettorale. Le manifestazioni si apriranno alle 9 all’Università Statale, dove fino alle 11 sciopereranno le addette alle pulizie dell’istituto. Dopodiché, alle 17.00 si svolgerà il presidio in Piazza Scala a sostegno dell’ incontro dei rilevatori censimento Istat con il direttore generale del Comune di Milano, Davide Corritore. Nel dettaglio:

LA PROTESTA DELLE ADDETTE ALLE PULIZIE DELLA STATALE – Le addette alla pulizia dell’Università Statale di Milano continuano la loro lotta per ottenere i mancati pagamenti, una certezza di reddito e di futuro per una vita dignitosa indicendo uno sciopero di 2 ore non vedendo nessuna prospettiva e non ricevendo risposte dalla società appaltatrice ne tanto meno dall’Università.

– si tratta di 45 lavoratrici, delle quali sette a tempo pieno, venti a 20 ore settimanali e le rimanenti a 15 ore a settimana.

– E’ da dicembre 2011 che tutte queste lavoratrici non percepiscono il salario e, da febbraio 2012, la nuova società appaltatrice ha ridotto ulteriormente il monte ore senza chiaramente diminuire gli spazi da pulire.

– Durante lo sciopero si darà vita ad una processione precaria “benedetta da San Precario”, al fine di sensibilizzare il mondo universitario sulle condizioni di lavoro e di non pagamento dei salari di coloro che lavorano quotidianamente nell’ateneo da 20/30 anni.

– Con le lavoratrici sfileranno gli studenti precari della facoltà e flc-cgil, che ha previsto anche uno sciopero concomitante dei lavoratori della statale.

– La protesta si svolgerà dalle 9 alle 11

IL PRESIDIO DEI RILEVATORI DEL CONSIMENTO ISTAT – Il presidio inizierà alle 17 di oggi in piazza della Scala.

– Una delegazione dei rilevatori del censimento Istat, accompagnata dall’ avvocato del Punto San Precario, incontrerà il Direttore Generale Comune di Milano, Davide Corritore. Corritore, dopo l’incontro del 17 febbraio scorso durante il quale ha ricevuto le richieste dei precari del censimento, dovrebbe rilanciare oggi le proprie proposte. Le rivendicazioni dei rilevatori rimangono:

1) – Rivedere il contratto firmato poiché illegale, iniquo e discriminatorio;

2) – La volontà di aprire un tavolo di trattativa per discutere il contratto e le rivendicazioni;

3) – Il diritto ad essere pagati non solo per il censimento Istat in corso ma anche per il Censimento delle Abitazioni fatto nell’ aprile 2011;

4) – Rivedere l’organizzazione del front office che attualmente causa code e ore di attesa;

5) – Rivedere l’ organizzazione delle uscite in campo (abitazione per abitazione);

6) – Definire un fisso mensile sia per i rilevatori al front office sia per quelli in campo;

7) – Il diritto ad organizzarsi sindacalmente come previsto dallo Statuto dei Lavoratori.

– In Piazza Scala ad aspettare l’esito colleghi rilevatori vi saranno i precari del Comune di Milano, che con azioni e sorprese cercheranno di sensibilizzare, informare e comunicare ai passanti tutto quanto è stato promesso loro dal Sindaco Pisapia, durante la sua campagna elettorale, e non mantenuto.

Da Cronaca Milano:

http://www.cronacamilano.it/cronaca/22115-protesta-precari-milano-lavoratrici-universita-statale-e-rilevatori-istat-pisapia-mantenga-le-promesse-elettorali.html

Cambiare rotta, con o senza vento

Il parere della corte dei conti della regione Campania non lascia spazio ai dubbi (n.493/2011).
Le assunzioni di fiducia rientrano nei limiti alle assunzioni previste dalla legge per il contenimento della spesa pubblica previste dalla legge per il 2012. Tale limite è valido per tutte le assunzioni con contratti non a tempo indeterminato effettuate da Stato, Enti Locali e società ad essi legate, ed è pari al 50% della spesa sostenuta nel 2009 per tutti i contratti flessibili. Una mannaia che coinvolge qualsiasi forma di assunzione, anche quelle previste dall’art. 90 del Testo Unico degli Enti Locali, norma che regola le nomine a tempo determinato dei collaboratori di fiducia di Sindaco e assessori.

 

Prosegui la lettura »

Pisapia: ‘pacco’ natale per i precari del Comune

Un tempo, e ancora oggi, per siglare uno patto bastava una stretta di mano. Tra gentiluomini, tra simili, o semplicemente tra persone in buonafede l’atto scritto non si usava. Una stretta di mano, un’occhiata di intesa e il ‘contratto’ era ed è fatto. Una consuetudine, indice di civiltà e buonsenso, tanto più valida quando l’oggetto del ‘contratto’ non è un bene materiale, ma un accordo politico, un’intesa sui valori di fondo dell’agire pubblico. Come il contratto tra i precari milanesi che ogni anno (dal 2001) sfilano in decine di migliaia durante la May Day Parade e l’ex senatore di Rifondazione Comunista Giuliano Pisapia, diventato Sindaco di Milano anche grazie alla loro creatività e al loro impegno. Ed ai loro voti.

Prosegui la lettura »

Precari del Comune di Milano: “Traditi dalla Giunta”. Palazzo Marino fissa due incontri

da Ilfattoquotidiano di Lorenzo Galeazzi – 9 ottobre 2011

L’assessore con delega alle Risorse umane Bisconti incontrerà lavoratori a tempo determinato e parti sociali in due tavoli, ma nel frattempo crescono rabbia e delusione. In un dossier, il coordinamento denuncia: “Mentre Pisapia ci lascia a casa assume 43 consulenti a nomina diretta”.
Dopo mesi di silenzio e disoccupazione, sul fronte dei precari del Comune di Milano qualcosa comincia a muoversi. I lavoratori lunedì pomeriggio incontreranno l’assessore con delega alle Risorse umane Chiara Bisconti mentre martedì è in programma un vertice con Comune e parti sociali. Ma, per stessa ammissione dell’esponente della giunta Pisapia, sull’argomento si naviga ancora a vista. Non si conosce nemmeno il numero esatto delle persone che, a vario titolo, lavorano a tempo determinato per l’amministrazione milanese. Né Palazzo Marino, né la Cgil e nemmeno il coordinamento dei lavoratori precari. Eppure fra personale amministrativo, educatori e docenti si stima che siano circa settecento (alcuni anche con dieci anni di precariato), un numero che si è ridotto costantemente a partire dal gennaio 2011, quando molti di loro sono stati lasciati a casa. Ma, anche su questo argomento, cifre esatte non ce ne sono.

“Non solo non possiamo assumere i precari, ma ci troviamo anche nella situazione paradossale di dover fronteggiare le carenze d’organico”, rivela Bisconti che ha ricevuto dal sindaco la delega alle Risorse umane solo lo scorso 16 settembre: “Infatti sto ancora studiando la situazione e i due incontri in programma mi aiuteranno ad avere una mappatura, primo gradino per provare a risolvere il problema”. In attesa di trovare una soluzione che possa salvaguardare l’occupazione, l’amministrazione sta facendo lavorare interinali e cooperative al posto dei tempi determinati. “Siamo obbligati – si difende Bisconti – perché questo è l’unico modo per garantire i servizi ai cittadini e per fare lavorare almeno un po’ di persone che sono state lasciate a casa”.

Nel frattempo sul fronte precario montano rabbia e delusione. “Siamo stati traditi dall’attuale giunta – attacca una lavoratrice che chiede di rimanere anonima – Le promesse di cambiamento della campagna elettorale per il momento sono rimaste lettera morta”. Il coordinamento che si occupa di loro ha prodotto un dossier in cui denuncia come, a fianco dei tagli in organico, Palazzo Marino abbia assunto 43 collaboratori esterni che costeranno alle casse (vuote) del Comune la bellezza di 2,2 milioni di euro all’anno. “Mentre la giunta ci lascia a casa – accusa Carmen, una delle animatrici del coordinamento – assume con contratti più che generosi raccomandati e ‘famigli’ del sindaco e degli assessori”. Nel decidere queste nomine, accusano i precari, non si è tenuto minimamente conto delle risorse interne che erano già a disposizione dell’amministrazione. “La giunta non ha svolto nessuna indagine conoscitiva – denunciano nel dossier – nessun colloquio fra i 15mila dipendenti a tempo indeterminato e fra le centinaia di precari che da anni garantiscono la copertura dei servizi, preferendo assumere collaboratori esterni a chiamata diretta”, mediante l’ex articolo 90. “Alla faccia dei video-messaggi di Corritore (direttore generale del Comune, ndr) nei quali, solo a luglio, dichiarava di voler valorizzare le risorse interne dell’amministrazione”, dice sarcasticamente Carmen sottolineando come tutte le nomine ad personam siano paradossalmente partite pochi giorni dopo quell’annuncio.

Ma il j’accuse sulle assunzioni degli ex articoli 90 non convince tutti. “Hanno sbagliato obiettivo – dice Tatiana Cazzaniga della Cgil Funzione pubblica – perché i nemici del loro futuro sono altri: il collegato lavoro, l’articolo 8 della Finanziaria e il Patto di stabilità che decreta il blocco delle assunzioni”. Eppure questa estate era stata la stessa Cgil che in un comunicato aveva evidenziato la disparità del trattamento economico fra i contratti degli ex articoli 90 e gli altri dipendenti, uno “squilibrio intollerabile per i dipendenti comunali di pari livello”.

Da parte dell’amministrazione fanno sapere che lavoratori a tempo determinato e consulenti sono settori che viaggiano su binari e capitoli di spesa diversi, però garantiscono che faranno il possibile per risolvere il problema. “Dagli incontri dei prossimi giorni usciremo sicuramente con una road map per sistemare la situazione”, assicura il capo delle Relazioni esterne che si appresta a incontrare precari e rappresentanze sindacali. Nel frattempo però proseguono le cause che, a partire da gennaio (quando è entrato in vigore il collegato lavoro), i lavoratori hanno fatto al Comune per vedersi riconosciuto un contratto a tempo indeterminato. L’amministrazione potrebbe andare verso una conciliazione? “E’ presto per dirlo – risponde Bisconti – ma stiamo valutando tutte le soluzioni per trovare una via d’uscita”. Anche dal fronte precario fanno sapere di essere più che disponibili ad accettare soluzioni creative: “Come la certezza di avere almeno sei mesi di retribuzione in un anno, in modo che nei momenti di non lavoro si possa accedere alla disoccupazione”.

Il punto però è sempre quello. Il buco di bilancio (si parla di 350 milioni) con cui Milano sforerà il Patto di stabilità che decreterà il blocco delle assunzioni. E, se la giunta non interviene, ancora una volta a farne le spese sarà l’anello più debole: i precari.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/09/precari-del-comune-di-milano-traditi-dalla-giunta-palazzo-marino-fissa-due-incontri/163145/

Pisapia: 528mila euro per 15 consulenti… “precari”!

Vi ricordate l’incontro San precario-Candidati Sindaco alla Casa della Cultura lo scorso novembre? Molti degli oltre 300 cittadini presenti non hanno scordato le parole di Giuliano Pisapia sulla precarietà. Incalzato da alcuni presenti l’ex parlamentare di Rifondazione Comunista aveva solennemente dichiarato tra lo sconcerto generale: ‘Eliminerò la precarietà a Milano’. A queste parole era seguita la condivisione di una lettera in cui prometteva quantomeno la risoluzione del problema per i precari del Comune di Milano e soprattutto per le migliaia di cittadini precarizzati dalle innumerevoli società partecipate da Palazzo Marino, che ricordiamo è il primo datore di lavoro della città. Senza parlare degli interinali, degli stagisti e delle centinaia di dipendenti di settori e servizi esternalizzati negli oltre 20 anni di giunte azzurroneroverdi, ormai fuori dai conteggi e dalle garanzie ancora previste dall’organigramma comunale.
Prosegui la lettura »