Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

MAYDAY 2013: RIPRENDIAMOCI IL FUTURO

primoCarroIl mondo che conoscevamo solo fino a qualche anno fa è crollato davanti ai nostri occhi. La situazione italiana lo mostra in modo evidente. Il tessuto sociale è andato in mille pezzi.

C’è però la possibilità che dalla rottura di questi legami si crei energia e si sprigionino nuove forze dalla rivendicazione di bisogni e desideri.

La Mayday nasce da qui. Qui trova ogni anno la forza per prendere e farsi prendere per mano da decine di migliaia di persone, come è accaduto il 1 maggio 2013.

Una Mayday che, da sempre, assorbe quanto le accade intorno e per questo muta.

Soprattutto in questi ultimi anni, così difficilmente ascrivibili in esperienze già vissute. Prima hanno provato a sedarci con la logica dell’austerità, facendo saltare ogni livello della rappresentanza; ora ci riprovano con la logica della pacificazione nazionale, con il risultato di sancire definitivamente la distruzione di ogni patto sociale e quindi legittimare da una parte lo smantellamento totale del sistema di welfare e dall’altro favorire l’estensione della condizione precaria a tutti i settori della popolazione.

Quest’anno la nostra narrazione ha preso di mira la trasformazione neoliberista dei territori, esemplificata a Milano e in Lombardia da EXPO 2015. Un grande evento capace di ridisegnare politiche territoriali, finanziarie e lavorative. Un avamposto ideologico del capitale, un precipitato che sottende gestione mafiosa e affaristica dei finanziamenti pubblici, sbancamento di territori vivi e politiche aziendali volte a imporre ai lavoratori condizioni di ricatto, che durante questa Mayday abbiamo riassunto in tre parole -debito, cemento, precarietà- e in un carro comune, quello di apertura, chiassoso, comunicativo e militante, caratterizzato dalla rilettura del Monopoli nella versione critica improntata su EXPO a Milano chiamata Expopoli(s).

La Mayday013 ha articolato vertenze lavorative e lotte territoriali reali, costruendo una piattaforma concettuale e di conflitto che vuole arrivare al 1 maggio 2015, giorno di apertura dei cancelli di EXPO. E lo fa cercando e trovando un nuovo percorso -oggi quartiere Isola-Porta Nuova, domani i cancelli di EXPO- nuove parole e la partecipazione di una massa critica tale da non poter venire ignorata.

 

Questa Mayday vuole aprire con forza uno spazio politico che arrivi dritto fino al 1 maggio 2015, giorno dell’inaugurazione del grande evento. Per quei giorni ci proponiamo di costruire un fronte di opposizione sociale a EXPO, in grado di esprimere conflittualità, di produrre una critica al grande evento e indicare un’alternativa di sviluppo. In questo senso crediamo che la rivendicazione di un reddito di base incondizionato e la riappropriazione di forme di reddito indiretto (casa, mobilità, salute e saperi), all’interno di una narrazione appropriata riguardante l’impatto dei grandi eventi e delle grandi opere connesse -che si legittimano attraverso lo stesso grande evento- possano già esprimere un’alternativa radicale. Crediamo inoltre di doverci dotare di momenti di condivisione e strumenti di analisi e comunicazione potenti per affermare un’altra idea di sviluppo urbano e sociale: l’Accademia Precaria in corso di svolgimento a Piano Terra, il gioco e il libro Expopoli(s), i Quaderni di san Precario, tutte le campagne comunicative e tutti i materiali composti in questi anni dalla variegata galassia di soggetti accomunati da un’attitudine NoEXPO e sanprecaria sono solo alcuni degli esempi possibili.

La partecipazione massiccia alla Mayday013, sia da parte delle realtà sociali che da parte del multiforme e complesso precariato metropolitano, è un segnale positivo. E’ il momento di costruire relazioni e mettere in comune conoscenze, saperi ed esperienza. E’ il momento di scardinare logiche di identità e produrre politica.
Insieme per un’unica grande opera: uscire da EXPO ora!

Com. NoExpo – noexpo.org

FOA Boccaccio – boccaccio.noblogs.org

Lab. Off Topic – inventati.org/offtopic

Rete San Precario – precaria.org

SOS Fornace – sosfornace.org

Articoli Correlati: