Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Jobs act, il disastro futuro


EUROMAYDAYS – THE NED

mayday_tempDodici mesi esatti ci separano dall’apertura dei cancelli di Expo2015: il grande evento che soprattutto nell’ultimo anno ha concentrato su di sé aspettative, roboanti promesse di progresso e sviluppo, ma anche tutto il peggio di una ricetta di ripresa economica centrata su precarietà lavorativa, speculazione finanziaria, cemento, stato d’eccezione e poteri speciali.

A un anno da Expo 2015 e in prossimità del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea, stiamo pensando in grande: l’appuntamento dell’Euromayday 2014 non si esaurirà nella Parade del 1 Maggio ma aprirà una tre giorni di dibattiti, proposte e azioni: The NED, i NoExpoDAys.

Ci dicono che sta per cominciare la ripresa economica, ma non ci dicono chi ne usufruirà. Non sicuramente le precarie e i precari, le inoccupate e i disoccupati, i lavoratori autonomi eterodiretti o le lavoratrici stabili precarizzate; non sicuramente gli studenti con le loro scuole disastrate né i migranti, che vedono i loro diritti calpestati dalla legge Bossi-Fini e da un discorso razzista diffuso e serpeggiante, quando non ostentato; non sicuramente le migliaia di famiglie sfrattate e senza tetto che vedono Governo, Regione e Comune dirottare le risorse pubbliche dall’emergenza sociale della Casa a grandi eventi e grandi opere senza alcuna utilità collettiva. Non sicuramente gli abitanti dei quartieri cittadini e dei territori sventrati da grandi e piccole opere, come le periferie ovest milanesi che da settembre resistono contro il progetto devastante della Via d’acqua di Expo o le città dell’hinterland che vedono antiche aree agricole trasformate in pascoli di cemento per la speculazione.

Prosegui la lettura »


VIA CRUCIS PRECARIA

vauro160409_13MARTEDI 15 aprile ore 17 da Palazzo Marino
Iniziativa dei lavoratori del comune di Milano:

EXPO 2015: NUTRIRE IL PIANETA? …MA MANGIANO SEMPRE GLI STESSI

Il Comune di Milano ha firmato una convenzione per aumentare l’uso di ‘volontari’ del Touring Club per garantire l’apertura dei musei da oggi fino a EXPO 2015. Ingaggia migliaia di volontari, usa lavoro gratuito, mentre aumenta la tasse ai cittadini, blocca le assunzioni, non valorizza il lavoro pubblico dei comunali la cui busta paga”piange”,penalizzata da 7 anni di blocco dei contratti.

E i colleghi precari delle liste a tempo determinato? E’ possibile che a fronte di EXPO-investimenti comunali di decine di milioni di euro non sia previsto nemmeno l’utilizzo temporaneo dei precari del Comune nei musei? E’ credibile un’EXPO che si nutre di multe, tasse, aumenti di tariffe, lavoro gratuito e tagli di servizi comunali?

Abbiamo già visto nelle ultime campagne elettorali che ‘volontari’ siano: consulenze esterni e contributi di favore.

STOP AL BLOCCO DEL NOSTRO CONTRATTO DI LAVORO

NO EXPOLAVORO GRATIS AL POSTO DI COMUNALI E PRECARI

VOGLIAMO REDDITO, SALARIO, LAVORO, DIRITTI CERTI !

PARTECIPA ALLA VIA CRUCIS PRECARIA
COMUNALI E PRECARI PER IL BENE COMUNE

precarimilano1@libero.it


Il jobs act in pillole: se lo conosci…comincia a preoccuparti!

dl_jobs_actIl Jobs act è una delle peggiori porcate mai pensate contro noi precari e precarie, talmente grave che forse perdere cinque minuti a tentare di capire di che si tratta, prima che sia troppo tardi, da parte di più persone possibile, non è inutile. San Precario vi invita a leggere l’articolo di Gianni Giovannelli. Intanto,  per invogliarvi, un riassunto in pillole:

1 – “Ce lo chiede l’Europa”: Siamo sicuri? Le direttive europee dicono che il contratto di base deve essere quello a tempo indeterminato, ma Renzi se ne frega e rende il contratto a termine talmente libero e conveniente che nemmeno i datori di lavoro più sprovveduti ne faranno altri.

2 – Lo so, vi hanno raccontato di tre anni a termine ma poi ci assumono: figata! Eh no, sono 36 mesi di lavoro effettivo anche non consecutivi, il contratto può essere rinnovato (ma anche no) fino a 8 volte con qualsiasi pausa in mezzo. Poi, basta cambiare la mansione e via con altri 8 contratti anche non consecutivi della durata che vogliono. Il tutto quante volte vogliono. Precari per sempre, e fosse solo quello. Ora discutono di diminuire le proroghe, da 8 a 6, capirete bene che non cambia nulla.

Prosegui la lettura »


Jobs Act: Renzi, Poletti e il fantasma dello sceriffo di Nottingham

_0004_ico_santothx: Effimera
In barba alle direttive europee e al principio che il contratto di lavoro di riferimento è quello subordinato a tempo indetrminato, le misure del governo Renzi, liberalizzando totalmente il contratto a tempo determinato e l’apprendistato, rendono il contratto a termine (sino a tre anni, rinnovabile ben 8 volte) l’architrave del mercato del lavoro e nesancisce la definitiva precarizzazione. Oltre a rendere la precarietà giuridicamente strutturale (già lo è nella realtà) pone una serie di questioni rilevante in tema di rappresentanza. Come reagire?

E’ stato pubblicato in data 20 marzo sulla Gazzetta Ufficiale, con la firma di Re Giorgio, il decreto legge numero 34/2014. E’ senza alcun dubbio la più violenta aggressione ai diritti dei lavoratori di questi ultimi anni, nessun governo di destra aveva mai osato tanto; nessuna legislazione europea contiene una liberalizzazione così ampia e totale del contratto a tempo determinato, che diventa di fatto la forma ordinaria delle assunzioni, in palese contrasto con la direttiva 99/70 dell’Unione.

Prosegui la lettura »


RESOCONTO DI UNA STORIA CON LE GAMBE. 4° Incontro Nazionale della Rete Operatori Sociali a Napoli.

napoli-incontro operatori socialiNapoli è una città splendida.
La Rete Nazionale degli Operatori Sociali non poteva scegliere location migliore per il 4° incontro nazionale: i colori nei vicoli dei quartieri spagnoli, le pescherie, il caffè buono e le zeppole. E poi la gente. Gente ovunque nelle strade fino a tarda notte che parla, passeggia, fa musica. Ma il luogo è speciale sopratutto perchè è a sud.

All’incontro c’erano anche rappresentanti degli assistenti all’igiene come Giorgia dello slai cobas di Palermo e Gianmaria delegato USI di Roma che lavora in una cooperativa di tipo B.. Gianmaria spiega così l’assenza fino ad ora di realtà romane all’interno della Rete: “come in altri settori scontiamo un problema generale di poco interesse da parte dei nostri colleghi che ancora non capiscono la necessità di organizzarsi sui posti di lavoro se non su esigenze specifiche come i ritardi di pagamento. Inoltre oggi a Roma viviamo una situazione particolare; le cooperative hanno costituito il Roma Social Pride (romasocialpride.wordpress.com ). Sono le dirigenze che lo hanno voluto e lavorano quasi esclusivamente sui finanziamenti e su come devono avvenire i pagamenti che è sicuramente una parte importante, ma molti colleghi si mobilitano solo quando i dirigenti danno loro le indicazioni di muoversi e non riescono a organizzarsi sulla spinta dei loro bisogni”.

Prosegui la lettura »


Partecipa anche tu alla Lotteria “Milano Viaggia con Te” !

atm_ticket_fATM Gratis per 2000 disoccupati e precari
Per alcuni è una goccia nel mare di precarietà e disoccupazione. Per altri una lotteria a cui partecipare per garantirsi un anno di mezzi pubblici gratuiti. Sta di fatto che da oggi 25 marzo dalle ore 12, connettendosi a http://numeroPLO.comune.milano.it da pc, tablet e smartphone 2000 fortunati residenti a Milano che hanno meno di 35 anni per i/le precarie, mentre per i /le disoccupate senze limite d’età, potranno prenotare la partecipazione a ‘Milano Viaggia Con Te’ l’iniziativa promossa dal Comune a favore di precari e disoccupate. 460 mila euro circa l’investimento garantito, per una delle misure a sostegno del reddito messe in campo dalla Giunta Pisapia. Richieste aperte sino alle ore 19 di venerdì 28 marzo, poi col numero di prenotazione si potranno inviare le domande dal 7 al 18 aprile 2014. Per informazioni chiamare lo 02.88448547/555 da lunedì al venerdì 9-13 14-18.

Ricordate:
“GLI ABBONAMENTI SARANNO ASSEGNATI FINO AD ESAURIMENTO DEL FONDO STANZIATO E IN BASE ALL’ORDINE DI ARRIVO DELLE DOMANDE”.

Criteri per richiedere l’abbonamento annuale gratuito

e …

“ATTENZIONE: i cittadini che hanno ottenuto la tessera annuale gratuita con l’edizione Milano Viaggia con Te 2013, ora in scadenza, possono presentare domanda. L’abbonamento potrà essere rilasciato salvo che i fondi, destinati con priorità alle nuove richieste, non siano esauriti.”


La fiera dell’ipocrisia

expo_affamaLunedì 24 marzo nell’Aula Magna dell’Università Statale, aperta per l’occasione, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza, con la partecipazione dell’ordine degli avvocati milanesi, dei consulenti del lavoro, di Confesercenti, e ovviamente con il patrocinio di Expo SpA e del Comune di Milano, si è svolto il convegno: “Le regole del lavoro per Expo 2015“.

Anche San Precario è intervenuto, in un clima un po’ surreale, non solo per la presenza di un cospicuo numero di forze dell’ordine all’esterno e di agenti della Digos all’interno.

Prosegui la lettura »


MayDay 2014: secondo appuntamento

maydayPer continuare a discutere dell’organizzazione della Mayday 2014

MERCOLEDI 19 MARZO ALLE 21.00 a MACAO – v.le Molise, Milano


“Habemus Piattaforma!” Uscita pubblica sui social network della Rete Nazionale degli Operatori del Sociale

opsocCe l’hanno fatta! E’ servito quasi un anno, tre incontri nazionali e un fitto lavoro nei coordinamenti locali, ma a ridosso del quarto incontro nazionale degli operatori del sociale, che si terrà a Napoli il 15 e 16 marzo 2014, la piattaforma è pronta.

“Non è stato per nulla semplice” ci racconta al telefono Rosario degli Educatori Contro i Tagli di Casalecchio di Reno, uno dei collettivi che ha voluto fortemente la creazione di un coordinameto nazionale. “Ma il risultato ci soddisfa. Innanzitutto perchè è il lavoro collettivo di colleghi provenienti da diverse realtà quali Torino, Genova, Firenze, Venezia, Casalecchio di Reno, Milano e Napoli che hanno saputo trovare obiettivi comuni partendo dalle loro esperienze senza restare intrappolati nel racconto, spesso fine a se stesso, delle singole lotte” e aggiunge “La piattaforma è uscita come documento in divenire aperto alle integrazione e agli aggiustameti di tiro e sicuramente il confronto con le realtà del sud Italia porterà un contributo interessante”.

 Da una prima lettura si capisce che è uno strumento già “pronto all’uso”  per i lavoratori e a questo proposito Rosario ci spiega che la piattaforma è stata pensata anche per agevolare i lavoratori stessi nella comprensione delle questioni “calde” della gestione Welfare. Una sorta di dizionario utile per potersi interfacciare con la controparte avendo le idee un po’ più chiare.

Prosegui la lettura »


Reddito di Base

 

San Precario

Quaderni di San Precario