Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Dopo l’incursione di San Precario e Fornace…ecco i pagamenti!

Vittoria dei lavoratori Best Union alla fiera di Milano! Dopo l’incursione di Fornace e San Precario arrivano i primi pagamenti

E’ noto che il polo fieristico di Rho-Fiera è un ricettacolo di lavoro precario, intermittente e lavoro nero. Per questo da qualche mese è in funzione presso il Centro Sociale SoS Fornace lo sportello Bio-sindacale San Precario che monitora e controlla ciò che avviene in Fiera, anche alla luce degli sviluppi che sicuramente si avranno in vista dell’Expo 2015.

Nella scorsa settimana, in concomitanza con Il Salone internazionale del Mobile e del Design, vetrina della Milano da bere, ma coacervo di sfruttamento del lavoro, una numero consistente di precarie e precari hanno fatto un’irruzione nei padiglioni della fiera per denunciare le condizioni di lavoro, il mancato pagamento degli stipendi e l’abuso dei contratti precari.

L’esito di tale azione politica è che oggi, 23 aprile, circa una cinquantina di lavoratori della Best Union Company e delle sue controllate Team 2015 e Fair Service (che operano come aziende in subappalto per i servizi logistici alla fiera di Rho), hanno ricevuto i pagamenti arretrati per il periodo che va da ottobre a dicembre 2009.

Questo primo risultato dimostra altresì che si può sconfiggere la precarietà,
lottando per i propri diritti a conferma che il punto sensibile delle
aziende è la loro immagine e il loro brand.

Come già annunciato nei prossimi giorni assieme ai lavoratori continueremo l’azione di protesta nei confronti di Best Union Company e Fiera. Il prossimo obiettivo è che venga riconosciuta la natura subordinata dei rapporti di lavoro affinché i lavoratori vengano assunti.
Non solo, allargheremo la vertenza a tutte le società che operano in Fiera e che sono: Fair Service, Team 2015, Best Union Company, Autogrill, Sipro, Sanital, Laser e Fema.

Lo sportello biosinsdacale SanPrecario non si limita solo a fornire grauitamente assistenza legale e informativa ai lavoratori e alle lavoratrici, ma si pone come punto di riferimento per interventi di subvertising, azione diretta, controinformazione in tutte quelle realtà che, senza nessuna tutela sindacale o per l’incapacità delle forze sindacali tradizionali.

Precarizza il precarizzatore!

Tale primo risultato si collega all’interno della campagna della MayDay 2010 sul welfare metropolitano, finalizzata a creare una capacità vertenziale sui temi della continuità di reddito, erogazione gratuita e libera dei servizi di base (dalla casa, alla formazione, saperi, mobilità, socialità) con l’intento di avorire un processo di ricomposizione sociale delle numerose conflittualità che la crisi economica ha reso evidente (dalle fabbriche della cintura milanese, ai cal-cnter, ai servizi che operano nei media).

Con l’incursione di domenica al salone del Mobile è, infatti, partito il countdown verso la MayDay 2010 – il primo maggio dei precari – che vedrà una serie di azioni sui temi della precarietà, del welfare e del territorio messe in atto da diverse realtà attive nell’area metrolombarda.

Per info
Incursione in fiera domenica
VIDEO + COMUNICATO

http://www.sosfornace.org/2010/04/18/incursione-di-fornace-e-san-precario-in-fiera-in-solidarieta-coi-lavoratori-best-union-parte-il-countdown-verso-la-mayday-2010/

FOTO + MATERIALI

http://www.precaria.org/incursione-di-fornace-e-san-precario-in-fiera-in-solidarieta-ai-lavoratori-di-best-union.html

MAYDAY –

italy.euromayday.org

Ulteriori contatti web: info@sanprecario.info

Articoli Correlati: