Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

Lettera aperta al governo sul mercato del lavoro

Caro
Mario Monti e Ministri Tutti,

A marzo regalerete la riforma del mercato del lavoro mentre avete rimandato al 2013 il riordino del sistema iniquo e arretrato degli ammortizzatori sociali.
Il pacco Monti-Fornero  è un passaggio fondamentale nelle politiche di flessibilizzazione realizzate negli ultimi due decenni. I progetti alla base della riforma provengono tutti e tre dal Partito Democratico – Ichino, Damiano, Nerozzi alias Boeri – e sono un esempio di “ingegneria normativa” che porterà a 47 il numero di tipologie contrattuali utilizzate nella giungla della precarietà. Tutto cambia perché niente cambi, soprattutto per i precari.

Prosegui la lettura »

Ichino per tutte le stagioni

In questi giorni il senatore Pietro Ichino compare spesso in televisione e sulle pagine dei giornali. E’ uscito infatti l’8 novembre la sua ultima opera: “Inchiesta sul lavoro”. In tale libro, il senatore Ichino spiega la sua proposta di “grande riforma” del lavoro e delle relazioni industriali. Il perno è la cd. flexsecurity, ovvero l’utilizzo combinato di flessibilità nel mercato del lavoro e sicurezza sociale. La proposta non è nuova (è almeno da dieci anni che se ne parla), ma è solo da due anni che è stato depositato in Senato un disegno di legge (il n. 1873/2009) che reca la sua firma. La premessa, l’ipotesi di partenza, è fondamentale: l’esistenza di un rigido apartheid nel mercato del lavoro, tra i garantiti e i non garantiti. Dalla sua verifica deriva infatti la validità della proposta.

Prosegui la lettura »

Mi(n)chinate sui contratti aziendali

La lettera che Pietro Ichino, noto giuslavorista e senatore del PD, ha inviato al Corriere della Sera il 20 giugno scorso provoca inizialmente un certo fastidio. L’argomento è il rapporto tra contratto nazionale e contratto aziendale. Come è noto, il tema è stato posto bruscamente all’attenzione nazionale dall’operare della Fiat che pretende la deroga alle norme stabilite dal contratto nazionale in nome di contratti aziendali, di solito peggiorativi in tema di condizioni di lavoro e di salario.

Prosegui la lettura »