Inserisci la tua email per iscriverti alla nostra newsletter:

S.G.P.#6 I Quaderni di San precario, ovvero strumenti in movimento.

Organizza: Quaderni di San Precario, UniNomade Genova, Torino, Milan. Sabato 15 Gennaio, sala 2, orario 14.00 – 15.30

La presentazione del primo numero della rivista si fa, a un tempo, workshop. Quando la narrazione diventa inchiesta. Quando la lotta dà lezione. Quando la condivisione di sapere critico consente non solo di resistere ma di attaccare, diventando proposta alternativa reale.
I Quaderni di San Precario sono frutto della collaborazione di una tribù assai eterogenea, composta da singoli soggetti e realtà di attivisti e ricercatori che si muovono tra Milano, Torino, Genova con sconfinamenti verso Brescia, Bergamo e Pavia. Essi rappresentano, in particolare, la gemmazione spontanea nata dall’incontro della rete di Intelligence Precaria e della MayDay, che da anni anima le lotte sul precariato a Milano, con alcuni componenti del collettivo di Uni Nomade 2.0.

I Quaderni di San Precario contengono informazioni, suggerimenti, narrazioni e analisi, utili alla costituzione di “un punto di vista precario”. Si propongono di diffondere la consapevolezza di come la precarietà costituisca oggi l’unico vero elemento unificante, nella molteplicità delle casistiche e nella diversità delle esperienze, al di sopra di ruoli, incarichi, mansioni, norme arcaiche. Tale cognizione ci affranca da rituali tentativi di ripetizione delle lotte del passato. Essa è invece propedeutica a forme alternative, contemporanee, di organizzazione e di rivendicazione, che vengono infatti formulate.
Questa è l’essenza del lavoro politico-culturale che la rivista si propone. L’occasione della sua presentazione agli Stati generali della precarietà diventa allora momento di discussione e di costruzione collettiva di tale prospettiva.
La messa in comune della conoscenza che i precari e le precarie hanno accumulato nel tempo deve passare inoltre da una comunicazione diretta, efficace, popolare ma non certo banale. Fondazione anche di una nuova “scienza popolare”, così l’abbiamo chiamata.

Leggi il report

Articoli Correlati: